Crema di pollo

Un modo per riutilizzare il petto del pollo arrosto, che in casa mia nessuno vuole perché più secco delle cosce o altre parti. Ecco la mia ricetta:

INGREDIENTI (per 3 persone):

  • una cipolla gialla;
  • 2 carote;
  • 2 patate piccole/medie;
  • circa un litro e mezzo d’acqua;
  • cinque chiodi di garofano;
  • sale e pepe q.b;
  • petto di pollo arrosto (o anche 2 o 3 petti di pollo normale);
  • noce moscata q.b;
  • pane raffermo o non;
  • olio q,b.

PROCEDIMENTO:

Cominciare con la preparazione del brodo. In una pentola capiente versare un litro e mezzo d’acqua, e aggiungere le verdure (cipolla, carote e patate). Prima di aggiungere la cipolla, chiodarla con i chiodi di garofano mantenendo la pelle (quest’ultima darà colore al brodo). Cuocere per almeno mezz’ora, o finché tutte le verdure saranno diventate morbide.

A questo punto filtrare il brodo attraverso un setaccio, tenendo da parte tutte le verdure. Tritare il petto di pollo arrosto con le 2 patate e alcuni mestoli di brodo e poi rimettere il pollo tritato nella pentola con il resto del brodo, tenendone da parte circa metà all’inizio. Meglio averne meno che averne di più. Aggiungerne quindi, in base alla necessità. Se il tutto risultasse troppo liquido per l’aggiunta di eccessivo brodo, rimettere tutto sul fuoco e, senza il coperchio, lasciar evaporare un po’ d’acqua. Aggiustare di sale e pepe. Servire con un po’ di pane tagliato a cubetti e tostato e una spolverata di noce moscata.

Le verdure avanzate (le due carote e la cipolla) potete consumarle come secondo!

Annunci

Vellutata di zucchine con gamberi

Una zuppetta un po’ sfiziosa, adatta a chi ama il pesce! Super veloce. Ecco come la faccio:

INGREDIENTI (per 3 persone):

  • 3 zucchine grandi;
  • 2 patate medie;
  • circa 10 gamberi provvisti del guscio;
  • olio q.b;
  • uno scalogno;
  • sale e pepe q.b;
  • due spicchi d’aglio.

PROCEDIMENTO:

Iniziare tagliando le zucchine e le patate a cubetti. Far appassire lo scalogno in circa 3 cucchiai d’olio. Aggiungere le patate e lasciar insaporire per 5 minuti. Dopo ciò, aggiungere anche le zucchine: cuocere fino a che entrambe le verdure non saranno tenere, aggiungendo secondo la necessità dell’acqua (non troppa).

Intanto pulire i gamberi e tenere da parte i gusci e le teste. Con questi ultimi fare un fumetto di pesce. Potete guardare per la ricetta l’articolo “paccheri con sugo di calamari” del mio blog.

Quando le verdure saranno diventate tenere, aggiungere parte del fumetto e frullare il tutto. Aggiungerne altro se la zuppa risultasse troppo densa. A questo punto tagliate a pezzetti piuttosto grandi i gamberi, tenendone da parte alcuni per la decorazione finale. Scottarli in una padella con un po’ d’olio e l’aglio schiacciato e poi uniteli alla zuppa. Aggiustate di sale e pepe e servite ancora calda.

Zuppa di zucchine e funghi porcini

Una zuppa molto saporita e veloce da preparate. Senza indugi, ecco subito la ricetta !

INGREDIENTI (per due persone):

  • una carota;
  • un gambo di sedano;
  • un quarto di cipolla;
  • 4 zucchine grandi;
  • 30 gr di funghi porcini essiccati;
  • 250 ml di acqua;
  • mezzo dado;
  • sale e pepe q.b. ;
  • olio q.b

PROCEDIMENTO:

Lavare tutte le verdure. Per prima cosa tagliare a cubetti il sedano, la carota e la cipolla e lasciarle rosolare in un tegame con un po’ d’olio. Intanto tagliare anche le zucchine a cubetti: lasciare da parte, la parte esterna verde (la buccia per intenderci) di una zucchina. Mettere in padella anche queste ultime e lasciarle rosolare per 2-3 minuti.

Intanto tagliare a strisce regolari la zucchina tenuta da parte e successivamente, tagliarle a loro volta in diagonale fino a formare piccoli parallelepipedi. Lasciare da parte.

Trascorsi i 2 minuti aggiungere 250 ml di acqua e il dado al tegame e lasciar cuocere a fuoco medio fino a che le zucchine diverranno morbide. Dopo che la zuppa sarà cotta, frullarla in un frullatore a immersione o normale.

Dopo aver lasciato in ammollo per 20 minuti i funghi essiccati, strizzarli e saltarli in padella con un filo d’olio: unirli alla zuppa. In ultimo sbollentare in acqua bollente i “pezzetti” di zucchina: non devono essere molli ma abbastanza croccanti. Dopo ciò metterli in acqua e ghiaccio per mantenere vivo il colore.

Unire il tutto, aggiustare di sale e pepe e servire calda. Decorare con dei pezzetti di zucchina in superficie, spolverizzare con il pepe e aggiungere un filo d’olio.

Paccheri al sugo di calamari

Una ricetta molto saporita che utilizza un formato di pasta non abituale: i paccheri. Una volta messa in tavola, la pasta si confonderà con i calamari avendo una forma molto simile ad essi. Ecco la ricetta:

INGREDIENTI (per 4 persone):

Per la pasta:

  • 400 gr di paccheri;
  • 550 gr di anelli di calamari;
  • olio d’oliva q.b;
  • 3 spicchi d’aglio;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco;
  • prezzemolo q.b;
  • 250 gr di passata di pomodoro;
  • 10 pomodorini.

Per il fumetto di pesce:

  • 15 gusci di crostacei (io ho utilizzato gli scampi);
  • olio q.b. ;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • un cucchiaino di peperoncino in polvere;
  • acqua calda q.b. ;
  • 1 bicchiere di vino bianco;
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO:

Iniziare con la preparazione del fumetto di pesce. Ho deciso di farlo perché avevo preparato un antipasto con gli scampi nella stessa sera, quindi avevo a disposizione i gusci. In alternativa si può utilizzare anche del brodo vegetale oppure comprare il fumetto di pesce al supermercato.

In una pentola capiente far rosolare uno spicchio d’aglio e il peperoncino in circa 3 cucchiai di olio. Dopo circa un minuto aggiungere i gusci dei crostacei e farli rosolare per circa 2 minuti a fuoco vivace. Dopo ciò, aggiungere il vino bianco e lasciar evaporare. Aggiungere poi abbondante acqua bollente, in modo da ricoprire completamente i crostacei. Abbassare la fiamma e lasciar cuocere per minimo mezz’ora. Nel mentre, schiacciare con un cucchiaio di legno i crostacei in modo da far fuoriuscire tutti gli odori.

Trascorsa la mezz’ora, filtrare il tutto attraverso un setaccio: il fumetto di pesce è pronto!

Dedicarsi alla preparazione della pasta. In una pentola capiente far dorare 3 spicchi d’aglio tritati finemente con circa 2 cucchiai di olio d’oliva. Dopo circa un minuto versare gli anelli di calamari e lasciarli insaporire anch’essi per un minuto, continuando a mescolare con un cucchiaio di legno. A questo punto, versare il vino bianco e lasciare evaporare: i calamari non devono cuocere per più di 3 minuti perché se no rimarranno duri.

Aggiungere la passata di pomodoro e i pomodorini tagliati in quattro, e togliere gli anelli di calamari mettendoli da parte. Far cuocere ancora per circa un quarto d’ora a fuoco basso, aggiungendo secondo la necessità il brodo di pesce. Intanto, mettere a bollire i paccheri: quando saranno abbastanza al dente, scolarsi e versarli nella pentola con il sugo e continuare la cottura, sempre aggiungendo il brodo di pesce a seconda del bisogno. In ultimo rimettere gli anelli di calamari e mischiare il tutto.

Servire spolverizzando la superficie con il prezzemolo.

Zuppa di farro

Una zuppa rustica, da mangiare sia tiepida in estate, che calda in inverno. E’ una ricetta dagli ingredienti semplici ma nell’insieme molto gustosi. Ecco la mia ricetta:

INGREDIENTI (per 4-5 persone):

  • 1 litro e mezzo d’acqua;
  • 200 gr di farro;
  • 90 gr di orzo perlato (in alternativa va bene anche solo farro);
  • 3 carote grandi;
  • mezza cipolla;
  • 2 cucchiai d’olio;
  • 200 gr di passata di pomodoro.
  • un rametto di rosmarino;
  • due o tre foglie di salvia;
  • due o tre foglie di alloro;
  • un cucchiaini di dado in polvere;
  • sale e pepe q. b.

PROCEDIMENTO:

Mettere in ammollo per almeno 1 ora il farro e l’orzo. Tagliare la cipolla a cubetti e tritare finemente le carote: farle rosolare in una pentola capiente con i due cucchiai d’olio. Quando le verdure saranno pronte, aggiungere un litro e mezzo d’acqua calda e abbassare al minimo la fiamma.

Scolare intanto il farro e l’orzo e versarli nella pentola. Unire con lo spago da cucina il rametto di rosmarino, la salvia e l’alloro formando un mazzetto da immergere nella zuppa, che sarà facilmente estraibile per mezzo del filo da spago. Per ultimo versare la passata di pomodoro, aggiustare di sale e pepe e aggiungere il dado in polvere. Per rendere più saporita la zuppa, si possono aggiungere anche delle croste di parmigiano (quando lo finite, ricordatevi di metterle da parte!).

Cuocere a fuoco molto basso, finchè l’orzo e il farro non si saranno ammorbiditi. Se si dovesse asciugare aggiungere ancora un po’ d’acqua.

Secondo me, è meglio preparare questa zuppa in anticipo o addirittura il giorno prima, così che abbia il tempo di assorbire tutti gli odori. Servire tiepida o calda a seconda dei gusti, spolverizzando con il pepe macinato.

Pasta con la bottarga

Direttamente dalla Sardegna, le famose uova di muggine! Ho preso, infatti, questa bottarga fresca in un piccolo negozio a porto San Paolo, Sardegna. Devo dire che, personalmente, questa non ha proprio niente a che vedere con la classica bottarga già grattugiata e confezionata nei barattoli: ha un gusto più deciso e intenso. Sa proprio di mare: anche per quanto riguarda la salinità!

Ecco la ricetta che ho sperimentato:

INGREDIENTI:

  • 300 gr di spaghetti;
  • 35 gr di bottarga sarda un po’ stagionata;
  • olio q.b. ;
  • uno spicchio d’aglio.

PROCEDIMENTO:

Mettere l’acqua a bollere. In una pentola capiente versare abbondante olio e lasciar soffriggere a fuoco basso uno spicchio d’aglio tritato finemente. Quando l’aglio si sarà imbiondito a dovere, spegnere il fuoco. Intanto che la pasta cuoce, grattugiare la bottarga (circa 35 gr) e lasciare da parte.

Scolare la pasta ancora aldente, tenendo da parte due mestoli di acqua di cottura. Versarne subito uno nella pentola con l’olio e buttare in essa la pasta. A questo punto aggiungere la bottarga e far saltare: se la pasta dovesse rimanere troppo asciutta aggiungere ancora un po’ d’acqua di cottura o un po’ d’olio.

Servire grattugiando un po’ di bottarga in superficie.